venerdì 7 febbraio 2014

Pista da Moyale, Etiopia, verso sud a Turbi, Marsabit, Laisamis, Kenya


Di piste massacranti ne ho fatte tante in Africa per lavoro, ma la Moyale, Turbi, Marsabit, Laisamis, Merille credo che mi resterà in mente per lungo tempo come una delle peggiori mai percorse. La famosa e pericolosa A2 è un susseguirsi di buche, sassi, polvere, fango, tôle ondulée per chilometri e chilometri,  che messe tutte insieme, la sera hai il mal di testa e l'auto a pezzi. In più c'è lo stress e la paura dei banditi somali o no che ti fanno spingere sull'acceleratore! Comunque tra qualche anno, questa situazione sarà un brutto ricordo. Ditte cinesi sono all'opera per la costruzione della nuova strada asfaltata che si ritrova a circa 400 km da Moyale, Etiopia, al Fiume Merille, con finanziamenti di Banche Africane e dell'UE.
Ho visto foto di turisti, una volta arrivati sul ponte che attraversa il Fiume Merille, nel Distretto di Sumburu, Kenia, baciare letteralmente l'asfalto. Purtroppo, per vari motivi, non si ha il tempo di ammirare gli stupendi paesaggi: vallate, pianure, montagne, boschi sono di una straordinaria bellezza. Numerosi gli animali che attraversano la pista. Pochissima la popolazione che è concentrata nei rari villaggi. Un questo ultimo periodo, le autorità del Kenya, hanno intensificato il controllo del territorio con uomini in divisa armati. Frequenti i posti di blocco e i controlli sono effettuati da militari e polizia, per fortuna!

In lontananza una femmina Gran Kudu.

 Rari i turisti che si incontrano. In questo tratto, da come si può vedere, sembra che stanno costruendo una autostrada...non esageriamo!

 Donne dell'etnia Sumburu.


Faraone Vulturine.


 Cartelloni che informazioni sulla nuova strada in costruzione. Notare che su due tronchi le ditte costruttrici sono cinesi.
 Prima volta che ho ammirato questi fiori.Qualcuno ne conosce il nome?

Ponte sul Fiume Merille, nel Sumburu District, a circa 400 km a sud di Moyale. Qui inizia l'asfalto che viene  letteralmente baciato da tanti turisti.

Nessun commento:

Posta un commento