mercoledì 27 giugno 2007

I pescatori di Dakar, Les pêcheurs de Dakar, The Dakar fishermen.











Ogni sera si puo' assistere alla vendita del pescato sulla spiaggia di Soumbedioune. I pescatori con le loro barche coloratissime tutte equipaggiate con motori fuoribordo giapponesi, rientrano dopo una intera giornata passata in mare; ad attenderli, come ogni sera, le donne che commerciano in pesce.
Ogni "commerciante" compera l'intero pescato per una somma forfettaria, che poi rivenderà al dettaglio per specie di pesce. Tutto si svolge con tranquillità: pochi gesti, pochi commenti. Si legge la stanchezza sulle facce bruciate dell' equipaggio delle barche i quali non hanno più la forza di parlare ed il prodotto di una intera e faticosa giornata di duro lavoro, cambia di proprietario in pochi minuti. Di solito le barche rientrano dalle ore 18.00 in poi ed anche ieri sera sono stato ad assistere allo spettacolo dell'arrivo lento e stanco delle barche, delle contrattazioni e dello scarico del pesce di ogni specie: tonni, barracuda, dentici, sogliole, triglie...Ho comperato un tonno con le pinne gialle di circa 15 kg per 2.500 FCA e la busta di plastica per trasportarlo 200 FCA (incredibile). In euro: non più di 5,00. Al mercato del pesce di Catania il tonno viene venduto a 25,00 euro al kg.


Les pêcheurs de Dakar
Chaque soir, on peut assister à la vente des poissons pêchés, sur la plage de Soumbedioune. Les pêcheurs avec leurs barques très colorées, toutes équipées avec des moteurs japonais, rentrent après une entière journée passée en mer; à les attendre, comme chaque soir, les femmes qui commercialisent le poisson.
Chaque « commerçant » achète l’entièreté de la pêche pour une somme forfaitaire, qu’il revendra ensuite au détail selon l’espèce de poisson. Tout se déroule avec tranquillité : peu de gestes, peu de commentaires. On lit la fatigue sur les visages brulés de l’équipage des barques, lesquels n’ont plus la force de parler, et le produit d’une entière et fatigante journée de dur labeur, change de propriétaire en quelques minutes. En général, les barques rentrent à partir de 18.00 heures et hier soir également, j’ai assisté au spectacle de l’arrivée lente et fatiguée des barques, des négociations et du déchargement des poissons de toutes espèces : thons, barracudas, soles, rougets, bars... J’ai acheté un thon d’environ 15 kg pour 2.500 FCA et le sachet en plastique pour le transporter m’a coûté 200 FCA (incroyable). En euros : pas plus de 5,00. Au marché aux poissons de Catania, le thon est vendu à 25,00 euros le kilo.

sabato 23 giugno 2007

Il Lago Rosa, Le Lac Rose, The Pink Lake



Sale. Colline di sale.








Il Lago Rosa? Ci siamo stati questa mattina, ma con grande nostra delusione abbiamo trovato il lago che aveva un colore piuttosto grigiastro...dicono le guide per mancanza di sole...infatti il cielo era coperto. Ci crediamo? C'est l' Afrique. Andrà meglio la prossima volta.
Il lago é salatissimo. Si raccoglie il sale con delle pale; gli operai stanno immersi per ore nell'acqua e lo caricano su delle barche con il fondo piatto.
*****
Le Lac Rose: très salé, cet immense plan d'eau entouré de dunes très basse, prend, selon l' heure, des reflets roses que l'on ne peut s'empêcher d' immortaliser par quelques clichés.
*****
Lac Rose: extremely salty, this huge strecth of water surrounded by flat dunes takes on different shades of pink depending on the time of the day. Make sure to take your camera along.

Isola di Goré, Ile de Gorée, Gorée Island



In uno dei tanti mercati all' aperto che esistono a Dakar, ho assistito ad una scena indimenticabile. Una persona anziana stava contrattando il costo di una gabbietta stracolma di uccellini multicolori. Il giovane proprietario non ne voleva sapere della controproposta dell'acquirente e stava per andarsene per la sua strada. I'anziano ritornato alla carica con maggior ardore, voleva a tutti i costi  la gabbietta ed il suo contenuto; da quanto riuscii a capire, non aveva il denaro necessario. Un grasso commerciante, vista la scena, pagò l'intera somma. Il vecchio ringraziò con tanti baciamano il suo benefattore. Si mise seduto sotto un enorme flamboyant fiorito. Leggevo sul suo viso soddisfazione e felicità. Aprì la gabbietta e diede la libertà ad uno per uno a tutti gli uccellini accarezzandoli prima di aiutarli a spiccare il volo.
Naturalmente si creò un capannello di curiosi, compreso me; nessuno parlava; assistevo ad una scena che non avevo mai visto.

*******

Dans un des nombreux marchés à ciel ouvert qui existent à Dakar, j'ai assisté à une scène inoubliable.Une personne âgée, je ne sais pas pour quelle raison, était entrain de négocier le cout d'une petit cage remplie de petits oiseaux multicolores. Le jeune propriétaire n'a pas accepté la proposition de prix de l'acheteur, et était entrain de s'en aller. L'ancien, retourné à la charge avec plus de ardeur, voulait à tout prix la cage et son contenu; mais de ce que j'ai compris, n'avait pas la somme nécessaire. Un gros commerçant, voyant la scène, paya l'entièreté de la somme. Le vieux remercia par de nombreux baises-main son bienfaiteur. Il s'assit au pied d'un énorme flamboyant en fleurs. Je lisais sur son visage satisfaction et bonheur. Il ouvrit la cage et rendit la liberté à tous les oiseaux, un par un, leur donnant une caresse avant de les aider à prendre leur envol. Naturellement, se créa une petite foule de curieux, y compris moi; personne ne parlait; j'assistais à une scène que je n'avais jamais vue dans aucun lieu au monde. Franchement, elle me laissa ému.

Black kite.



Da questa uscita sull'oceano venivano imbarcati gli schiavi incatenati. Andata senza ritorno verso l'ignoto.
Par cette porte donnant sur l'océan, les esclaves enchainés étaient embarqués. Aller simple vers l'inconnu.


Sotto le celle. Sopra i venditori, gli acquirenti e i carcerieri di schiavi.
En-dessous: les cellules. Au-dessus, les acheteurs et les geôliers d'esclaves.


Incrocio di più stradine dell' isola che ha conosciuto diverse occupazione attraverso i secoli, dai portoghesi ai francesi, compresi olandesi e inglesi.
Croisement de plusieurs ruelles de l' île, qui a connu diverses occupations à travers les siècles, des portugais aux français, en passant pas les hollandais et les anglais.


Monumento contro la schiavitù. Monument contre l'esclavage.
Slavery freedom monument symbolizing the end of the slave trade.

Gli abitanti dell' isola vivono sul turismo; ma non hanno abbandonato la pesca.
Les habitants de l' île vivent du tourisme; mais ils n'ont jamais abandonné la pèche.

Il viale per i carretti per arrivare con carichi pesanti in cima alla collina destinata all'osservazione e alla difesa.
L'avenue empruntée par les charrettes permettant d' atteindre avec de lourds chargement le point culminant de la colline, destinée à l'observation et à la défense.

Le scolaresche visitano l' isola; aspettando il traghetto per il ritorno a Dakar si tuffano nell'acqua per trovare un po' di refrigerio dalla calura.
Les élèves visitent l'ile; en attendant le ferry qui les ramènera a Dakar, ils se jettent dans l'eau afin de se rafraichir.


Vista dal mare dell'Isola venendo con il traghetto da Dakar.
Vue de l'île prise sur le ferry boat à partir de l'océan, en venant de Dakar.

Vista del Forte D' Estreés arrivando da Dakar. Vue du Fort D'Estreés en arrivant de Dakar.
Fort D'Estreés now house of the National Museum.


L' isola di Gorée é stata per questo pomeriggio una interessante escursione. Purtroppo ci ha riportato indietro nel tempo in un brutto periodo per l' umanità quando la schiavitù era in piena attività. Con un gruppo molto simpatico di amici e amiche abbiamo girovagato quasi tutto il giorno per le piccole stradine dell' isola. Un battello in venti minuti ci ha trasportato da Dakar, con 5.000 FCA...ho trovato la somma un po' esagerata; ma anche qui' ci sono differenti tariffe: per i residenti e per i toubab (leggi farengi per chi conosce l' Etiopia). L' Isola ormai é diventata una "fabbrica" che gira intorno ai turisti. Gli schiavi: si, va bene, ma i turisti se vengono qui debbono spendere per forza...ed così hai decine di "corteggiatori" e "corteggiatrici" più audaci degli uomini che ti vogliono quasi trascinare nel loro negozietto per venderti statuine, perline, collaline, dipinti; per carità mai aggressivi, ma appiccicosi un tantino.Ormai sono stati "trasformati dal turismo di massa" ed hanno perso quel "tatto" che ancora si trova in altri luoghi turistici senegalesi. Ma tutto sommato é stata una giornata relax ed il passato tigrigno diventa sempre più remoto, ormai si è perso nelle serate del Senegal.


****
A' quelques vingt minutes au large de Dakar se trouve l' île de Gorée, découverte au début du XV° siècle par l' explorateur portugais Dinis Dias. Elle a depuis été occupée successivement par les Portugais, les Hollandais, les Français et les Anglais. Ces invasions donnèrent lieu à de violentes batailles pour la possession de l'île, et le souvenir de ces différentes occupations est toujours présent. L'île de Gorée est passée dans l' histoire comme le point fatidique de rassemblement et de départ des hommes en Amériques. La maison des esclaves demeure l'un des témoignages les plus vivant de cette période. Ils étaient rassemblées, triés et enfermés dans l'île, dans l' attente d'un navire qui les conduirait vers des destinations inconnues.

*****

The island of Gorée is located off the shores of Dakar, a short 20 minutes ride by ferry. Discovered in the early 15th by the Portuguese explorer Dinis Dias, the island was occupied in turn by the Portuguese, the Dutch, the French, and the English. This invasions led to bloody skirmishes over possession of island. Reminders of the successive occupations still around. Historically, Gorée is the most famous for its role during the slave trade assembled before they departure into the unknow. One of the surviving monuments from this time is the Gorée slaves house. In 1978 Goreé Island was designated a Unesco world heritage site.

venerdì 22 giugno 2007

Poulet yassa


Questa sera ci voleva qualcosa di diverso, abbiamo fatto una botta di vita dopo una settimana piena di impegni e abbastanza stancante. Il nostro gruppo di amici italiani, portoghesi e francesi, è stato indirizzato verso un locale in riva al mare un po' fuori Dakar. La specialità del ristorante in questione è il "poulet yassa" tipico piatto senegalese: cosa di meglio di cipolle, limone, pollo, peperoncino...delizioso. Per tutta la serata una banda ci ha accompagnato con musiche e canti africani che ti trascinano e ti portano in pista a ballare.
Ed infine un gruppo di stupende danzatrici senegalesi in costumi locali ci hanno fatto spalancare gli occhi. Beh ci voleva. Era da tempo che non mi divertivo in tal modo. Ottima serata e vai sempre in movimento. Altro che le serate "forzate" di qualche mese fa.

domenica 17 giugno 2007

Dakar



Monumento al soldato senegalese che ha combattuto al fianco del soldato francese.

Automobilina costruita con filo di ferro.

Place de l' Indipéndence, con traffico impazzito.

L'orologio della Stazione Ferroviaria di Dakar-Bamako.

Treni fermi alla Stazione di Dakar pronti per iniziare il lungo percorso fino a Bamako, Mali.


Artigianato tessile senegalese.

La stazione ferroviaria. Da qui partono i treni che arrivano fino a Bamako, Mali. Le rotaie sono a scartamento ridotto. E' il cordone ombelicale che unisce il Mali, un Paese che non ha sbocchi al mare, al porto più vicino: Dakar. La maggior parte delle merci importate passano dal porto senegalese. E' il comune destino dell'Etiopia che ha la ferrovia a scartamento ridotto che la unisce a Gibuti.

Maschere in legno "invecchiate" per turisti. A Dakar arrivano pezzi di artigianato da tutta l' Africa: dal Mali, Burkina Faso, Nigeria, Costa D'Avorio,Ghana, Mauritania, Guinea. Cercando bene e conoscendo abbastanza l'arte africana, si possono fare dei buoni affari.

L' entrata del mercato Kermel, per la frutta e verdura.

Panorama della costa atlantica.
Minareti.

Un vecchio bus per il trasporto di persone.
Transport en commun.


Simpatiche composizioni di piante ornamentali.

Dipinti su vetro. Questo modo di dipingere é nato in Senegal.


Il Palazzo Presidenziale. The Presidential Palace.

I saporiti manghi del Senegal...deliziosi.


E voilà eccomi catapultato in Senegal.
Dakar ne é la capitale. Ex colonia francese. Il clima è tropicale, ma mitigato dalla vicinanza dell' Oceano Atlantico. Appena sceso dall'aereo si respira un clima europeo impastato a profumi dell' Africa vera. Le gente é alta e slanciata. Mai aggressivi verso lo straniero, ma sempre sorridenti e socievoli. Ci si dà la mano. Se chiedi una informazione in strada, loro per primi allungano la mano per stringere la tua. E poi il profumo del mare, degli alberi in fiore, della frutta; la brezza che mitica il forte caldo. E' il periodo boom dei manghi. Tanti, grandi, profumati, dai colori indescrivibili e dal profumo inebriante...quanto mi siete mancati. Oggi ne ho comperato uno che era grande come una papaia. Deliziosi. Adesso è: mango a colazione, in Mali era: papaia a colazione. Boni li manghi. La città si sta modernizzando. Le vecchie bidonville lasciano il posto a grattacieli o quasi ( non esageriamo). Le strade sono pulite. L 'asfalto non è chiazzato di buche almeno sulle strade principali. Dove é stato possibile hanno piantato alberi. Rotatorie con fontane. Il commercio si svolge sui marciapiedi: dalle venditrici di frutta e verdura al calzolaio, dal barbiere alla signora che ti prepara il caffé, e poi banchetti di materiale elettrico, di pantaloni e camicie, griglie con le brochettes, tessuti, souvenir, giornali. E' un turbinio rilassato di venditori ambulanti i quali osservano i tuoi occhi per carpire anche un minimo interesse alla loro mercanzia, e allora si avvicinano con modi tranquilli e basta un piccolo cenno con la mano per far capire loro se sei interessato o meno. C' é il solito traffico un po' caotico di tutte le città africane. Non si vedono in giro vecchie automobili che impestano l'aria con i loro fumi di scarico. Esiste una legge che vieta l' importazione di mezzi a motore più vecchi di 5 anni. Sono arrivate anche qui le ganasce per le automobili mal parcheggiate ed i vigili urbani sono severissimi.